martedì 12 maggio 2015

Ankh e Uroboro. Vita e Continuità.

Qualche tempo fa feci un post sul simbolo ANKH. Questo è un antico simbolo sacro egizio che essenzialmente simboleggia la vita. Gli dèi sono spesso raffigurati con un ankh in mano, o portato al gomito, oppure sul petto. In funzione di geroglifico l'Ankh, oltre che significare "vita", assume diverse sfumature, in base al contesto in cui è inserito, sebbene sempre con caratteri mistici e religiosi.

Questo simbolo a me affascina moltissimo e non fa altro che portarmi ispirazione tanto da realizzare questo ciondolo..:)..

 ..prima fase in cera persa con filo e lastra..
Quando ho iniziato a lavorare a questo progetto dell'ankh ho pensato ad un altro simbolo: l' Uroboro.
L'Uroboro rappresenta la natura ciclica delle cose, la teoria dell'eterno ritorno, quella dell'Uno-Tutto e tutto quello che è rappresentabile attraverso un ciclo che ricomincia dopo aver raggiunto la propria fine. L'Uroboro è un simbolo molto antico che rappresenta un serpente che si morde la coda, ricreandosi continuamente e formando così un cerchio.


Ecco da qui la mia creazione ma vista in un modo diverso e particolare, unendo cosi l'Ankh con l'Uroboro. Vita e Continuità.
Per dare ancora più valore al ciondolo dopo la fusione in argento e la rifinitura a banco ho fatto incastonare sulla testa del serpente delle piccole pietre rosse cosi da dare luce ai suoi occhi.



Sono davvero felice di questa mia creazione e spero piaccia anche a voi..:)..

Mi trovate anche su Facebook